mercoledì 13 dicembre 2006

Senza giustuzia nessuna pace


Improvvisamente in piazza fiume uno striscione ci ricorda i corpi al di là delle anime. IL 12 dicembre del 1969 la strage di Piazza Fontana a Milano.
Delfo Zorzi che oggi vive da latitante dorato in Giappone ha aperto un negozio delle suo lucrose borse a pochi centinaia di metri da piazza Fontana, i locali sono gentilmente messi a disposizione dal comune di Milano con un canone agevolato. Anche a Roma in via Bergamo il neonazista tuttora latitante per la strage di piazza della Loggia a Brescia ha una sua filiale di borse insanguinite.

17 commenti:

gregorj ha detto...

complimenti per l'iniziativa.

clap clap clap

Anonimo ha detto...

complimenti per la geniale protesta, appoggio totalmente la vostra campagna.
spero diventiate un modello per altre denunce precise e studiate... capaci di colpire anche i "nuovi volti" di "vecchi segreti mai svelati".

nicola - perugia

Anonimo ha detto...

Bravi davvero...
le vittime di piazza fontana, milano e l'italia attendono ancora giustizia!
Giovanni

Anonimo ha detto...

E' incredibile! L'Italia pare essere uno dei paesi più perversi dell'occidente, che già di per se, è perverso!

Solo noi siamo capaci di tollerare tutto questo?

Pierpaolo ha detto...

bravi bavissimi !

non ci dimentichiamo di queste pagine terribili della nostra storia !

Anonimo ha detto...

Ottima iniziativa, aderisco.
Jj

Anonimo ha detto...

complimenti per la GIUSTA iniziativa! ... e meno male che non ho mai comprato una borsa Oxus!
w la repubblica

Anonimo ha detto...

Grandissima idea!Complimenti!

Rosy, Milano

Anonimo ha detto...

originale ma troppo sottile...bisogna parlere di più con il linguaggio delle persone ed essere meno referenziali...

comunque buona la prima....pensiamo alla seconda

(ma meno autoreferenziali)

roberto ha detto...

Mi associo!!
Complimenti per l'iniziativa.
Buon Natale.

Anonimo ha detto...

in questa Italia dalla memoria corta queste iniziative sono VITALI. Bravi siete stati geniali!

Antonello - Roma

ventodipolente ha detto...

scusate ma è più importante sapere cosa ha detto materazzi a zidane oppure fare chiarezza sul delitto di cogne in duemila talk sciocchi descrivendo minuziosamente gli schizzi di sangue a goccia o a che cazzo ne so a conchiglia...oppure vedere la sindaca di milana superaccessoriata alla sfarzosa prima della scala mentre ci sono blog come stazionemilano.splinder.com e situazioni reali che con il contributo di tutti quei papponi potrebbero venir risolte magari rinunciando agli orecchini di franca cippardone o le scarpe di ninì pizzacicciona o il completo intimo di franco crumiri il tutto per un totale di un centinaio di migliaia di euro...

llabar ha detto...

mi piace così tanto la vostra azione
che vorrei averla avuta io l'idea!!
scherzi a parte siete bravi e intelligenti
...lunga vita agli hacker sociali......

paolo da pisa ha detto...

non ne sapevo niente, ne di oxus né della vostra azione. complimenti davvero

g ha detto...

Complimenti per l'iniziativa.
Oggi più che mai, in questo paese distratto, è necessario ricordare!
Ho messo il vostro link su
http://reteantifascista.blogspot.com/

Teniamoci in contatto!

Anonimo ha detto...

Ma siamo proprio sicuri di queste affermazioni? Le accuse sono pesanti (non tanto per Delfo Zorzi, quanto per il legame con i negozi)... e chi ci lavora? deve pagarne le conseguenze?

Oxsus ha detto...

cara anonim@ di sicuro a questo mondo c'è solo la morte. Le informazioni su Delfo Zorzi e la sua catena di negozi sono di pubblico dominio, mai smentite. Le persone che ci lavorano coscienti o incoscienti non sono chiamate in causa direttamente da nessuno, il fatto che "dire la verità" in generale può nuocere indirettamente a terzi inconsapevoli può considerarsi il rischio della dignità. Denuciare gli orrori del nazismo nella persona di himmler probabilmente ha nuociuto a milioni di tedeschi innocenti, ma..
con rispetto